dal  28 10 20 al 15 11 20 : SPEDIZIONE OFFERTA A PARTIRE DA 50,00 € D'ACQUISTO ITALIA E PAESI UE

 

Storia delle perle di coltura

Storia delle perle

La coltura delle perle
Le perle coltivate sono semplicemente delle perle autentiche prodotte in un ambiente controllato. La coltivazione nel moderno mercato delle perle è innovativa nel processo di sviluppo, tenendo conto delle qualità e delle quantità di perle prodotte. Per secoli le perle hanno custodito il loro mistero e il segreto mistico della loro natura. Attualmente la maggior parte delle perle oggi prodotte sono coltivate, vengono chiamate "perle di coltura". Ma non è stato così fino a quando Kokichi Mikimoto ha sviluppato la sua tecnica all'inizio del XX° secolo, al fine di produrre perle rotonde, offrendo così al mondo la possibilità di apprezzare queste gemme dal mare, fino ad allora destinato a un piccolo mondo di privilegiati. Ci sono polemiche su chi abbia inventato il famoso processo di coltivazione, ma colui che li ha portati per primo sul mercato è senza dubbio il signor Mikimoto.
Inserendo un nucleo (un irritante) nella membrana flessibile dell'ostrica, si sollecita una risposta protettiva dal mollusco che secerne conchiolina ricoperta da uno strato di madreperla, nel tentativo di distruggere l'intruso come autodifesa. Più lungo è il tempo di coltivazione, più spessore ha la madreperla della perla, e più intenso è il lustro della perla. Le perle coltivate hanno letteralmente salvato il mercato delle perle dall'estinzione, perché se non ci fossero perle coltivate, solo i re e le regine, e i più ricchi e influenti di questo mondo, potrebbero avere l'opportunità di adornarsi di queste favolose gemme. Grazie al signor Mikimoto per averci regalato l'incredibile lucentezza e magica bellezza delle perle.


Mikimoto
Kokichi Mikimoto


La qualità delle perle 
All'inizio, la coltivazione delle perle si serviva interamente di ostriche selvatiche. Ora la coltivazione delle perle è più selettiva. Gli scienziati giapponesi sono stati in grado di isolare e allevare ostriche con qualità superiori per la produzione di perle. È così che queste ostriche raccolte a mano producono perle con una lucentezza eccezionale e superfici così luminose. È questa varietà di perle Akoya che è conosciuta oggi.

Nucléon perle de culture
Innesto di nucleo in un'ostrica

Tecnici esperti aprono con cura l'ostrica perlifera vivente e impiantano chirurgicamente un piccolo frammento sferico di conchiglia, una piccola sfera rotonda e lucida, in una parte del mantello del mollusco. Ed è attorno a questo nucleo che il mollusco secernerà madreperla, strato dopo strato, anno dopo anno, con la sostanza cristallina che forma la perla.

La culture des perles
Perlicoltore vicino alle sue reti di allevamento

I molluschi che hanno subito l'inserimento del nucleo vengono rimessi in mare. Nelle baie ricche di sostanze nutritive naturali, il mollusco si nutrirà, progredirà e crescerà depositando sottili strati di madreperla attorno al nucleo. Durane l'inverno le reti di ostriche vengono spostate seguendo la temperatura dell'acqua. Le ostriche innestate vengono sospese in trappole per essere protette e curate nelle migliori condizioni possibili. I tecnici delle coltivazioni controllano regolarmente la temperatura dell'acqua e le condizioni degli alimenti naturali giorno dopo giorno, e controllano le varie temperature nella profondità dell'acqua, spostando le ostriche dal basso verso l'alto o viceversa, per le migliori condizioni di crescita possibile, dovrebbero tenere una temperatura costa. Periodicamente le ostriche vengono tirate fuori dall'acqua per essere sottoposte a pulizie o cure particolari legate alla loro salute. Alghe, escrescenze, parassiti, che potrebbero ostacolare il processo di alimentazione dell'ostrica, vengono rimossi e le ostriche vengono curate e protette con soluzioni antiparassitarie.


La nascita di una perla
La culture des perles
Apertura di un'ostrica perlifera a fine coltura

E finalmente, le ostriche sono pronte per il raccolto, quelle che sono sopravvissute ad uragani, alghe soffocanti, attacchi di predatori, malattie, parassiti, inquinamento, vengono quindi portate fuori dall'acqua e aperte. Se tutto è andato bene, il risultato può essere una bella perla di valore, brillante e perfettamente rotond, che, insieme ad altre perle, consentirà di comporre un gioiello.

Bracelet perles d'Akoya deux rangs
Braccialetto a doppio filo di perle di coltura Akoya

Perles de Cortez
Perle di Cortez

 

 

 

Quello che c'è da sapere sulle perle

 LA PERLA, GIOIELLO DEI MARI... E DEI LAGHI !

Secondo la testimonianza di alcuni scrittori antichi, poco informati su questo argomento, si credeva che la perla provenisse dalla rugiada e che ogni ostrica ne contenesse una.

Jean-Baptiste TAVERNIER, viaggiatore francese (1605-1689)



L’origine leggendaria e poetica della perla

  La perla è unica perché la sua bellezza si svela senza l'aiuto dell'uomo: nessun trattamento, nessuna lucidatura! Secondo la leggenda indù, Krishna ne raccolse dal fondo dell'oceano per adornare sua figlia di perle per il giorno del suo matrimonio. E 2300 anni prima dell'era cristiana, i cinesi accettavano le perle per il pagamento delle tasse ... Il più antico gioiello con perle fu ritrovato a Suza, in Iran, durante gli scavi effettuati nel 1901: una collana di 3 fili composta da 216 perle che ornavano il collo di una principessa achemide, addormentata nel suo sarcofago già 4 secoli avanti Cristo.
Nel 1515, l'esploratore Balboa scoprì nel Golfo di Panama una perla da 200 grani (50 carati), chiamata "Peregrina", così eccezionale da adornare la corona reale spagnola. Dopo essere passato per le mani di Joseph Bonaparte, Hortense de Bauharnais, Louis Napoléon e la marchesa d'Abercorn, fu battuta all'asta nel 1969 da Sotheby's dove fu acquistata da Liz Taylor che purtroppo la lasciò alla portata del suo cane. che con un movimento infelice ... l'afferrò mordendola! Poi fatta restaurare con mezzi naturali, non senza averla danneggiata un po'!

 

Esistono diverse varietà di perle e ognuna ha le sue caratteristiche

LA PERLA FINE (acqua di mare o acqua dolce) è una perla naturale che è cresciuta accidentalmente in un'ostrica o in una cozza selvatica senza intervento umano. È costituita da strati concentrici di madreperla cementati insieme da una lega organica chiamata conchiolina. La scoperta negli anni '30 delle tecniche di coltivazione delle perle in Giappone ha praticamente messo fine al mercato delle perle fini. Le aree geografiche in cui le perle fini sono state trovate più regolarmente sono: Golfo Persico - Sri Lanka - Arabia Saudita - Kuwait

LE PERLE DI COLTURA D’ACQUA DI MARE (Giappone)
Il concetto di "perla coltivata" prenderà forma in Giappone alla fine del XIX secolo. Per indurre artificialmente la secrezione di madreperla, il tecnico che esegue l'innesto introduce nell'ostrica un nucleo di madreperla, principalmente proveniente da una cozza del Mississippi, attorno al quale il mollusco secernerà madreperla o materiale perlato. Le perle giapponesi hanno origine nel mollusco Akoya che, in congiunzione con il freddo mare del Giappone, dà le perle più belle. Oggi anche la Cina produce perle Akoya di acqua salata utilizzando lo stesso mollusco e le stesse tecniche.

LE PERLE DI COLTURA D'ACQUA DOLCE (Giappone, lago Biwa e laghi cinesi)
Le perle d'acqua dolce coltivate si sviluppano nelle cozze dopo che sono state innestate dall'uomo. Il mollusco di acqua dolce può sostenere da 30 a 50 innesti e dà fino a tre raccolti effettuati ogni due anni. Queste perle sono comunemente chiamate "Biwa" dal nome di un lago giapponese. Oggi, la maggior parte di loro proviene dai laghi cinesi. Spesso hanno forme barocche, ireggolari, a chicco di riso, ma con l'evoluzione delle tecniche di coltura sempre più spesso si trovano quasi o praticamente sferiche a competere in bellezza e soprattutto nel prezzo con le perle coltivate di acqua di mare.


PERLE DI COLTURA DEI MARI DEL SUD E PERLE DI TAHITI
I grandi molluschi prosperano nei mari caldi del globo. Adattare la tecnica di innesto Akoya alla Pinctada Maxima dei mari del sud non è stato facile. Le ostriche dei mari del sud producono strati di perle densi e spessi di ottima qualità. Queste perle, il cui diametro può facilmente raggiungere i 14-15 mm o addirittura raramente fino a 18-20 mm, mostrano tuttavia una lucentezza più diffusa rispetto alle perle del Giappone. Si trovano in varie tonalità che vanno dal bianco rosato al crema, passando per il giallo, l'oro, l'argento, il grigio, il bronzo, il nero, ecc. (Provenienza: Birmania, Thailandia, Filippine, Indonesia, Australia). Le uniche perle nere di colore naturale provengono dalla Polinesia francese (Tahiti, Tuamotu Archipelago e Gambiers). Come tutte le perle, possono essere perfettamente sferiche o "barocche", da leggermente a fortemente deformate, cerchiate.

LE PERLE DETTE "Mabe"
Le perle Mabe sono di fatto mezze perle coltivate che crescono sul guscio interno di un'ostrica dei mari del sud. La loro caratteristica principale è il loro grande diametro (fino a 20 mm). Fu Coco Chanel a renderle popolari su orecchini circondati da un filo d'oro.

Lista sotto rubriche :

I più venduti

News