Origine delle perle di coltura

Perle di coltura - coltivazioni di perle

Le perle di coltura o perle coltivate sono delle perle proprio come le perle naturali trovate per caso, ma quelle coltivate sono indotte dall'intervento dell'uomo. Coltivare delle perle consiste nello stimolare nei molluschi  quelle reazioni naturali e abituali che questi esercitano non appena un corpo estraneo penetra nella loro conchiglia. Questo corpo estrano viene chiamato "irritante".  Quando il mollusco si trova in questa situazione, immediatamente secerne madreperla che circondare l'intruso e annientarlo, si tratta di un vero meccanismo spontaneo di autodifesa.

Sono necessari diversi anni prima che una perla prenda forma. Le perle naturali, o perle fini, sono molto raramente di forma rotonda, poiché non c'è alcuna matrice che stimoli la secrezione della madreperla di forma perfettamente sferica. Le perle naturali possono essere generate per intrusione totalmente fortuita di materia, quale sabbia, o frammenti di conchigia, squame etc, che in generale non hanno forma sferica, e la perla che ne deriva riveste l'irritante e ne amplifica la forma originale.

Al contrario, Le perle prodotte in "perlicoltura" possono essere di forma ben rotonda, poiché l'uomo avrà optato per un innesto di un nucleo sferico. Quest'ultimo viene prelevato su delle conchiglie di grandi dimensioni la cui madreperla è molto spessa. Dei piccoli cubetti vengono tagliati e successivamente ridotti a sfere, e lisciati per formare quel che chiamiamo la "perla madre".

La controversia di inizio XX° secolo che consisteva nel negare valore alle perle di coltura a vantaggio delle perle naturali è andata scemando nel tempo per estinguersi ragionevolmente. In effetti nella perlicoltura, l'uomo non fa che suggerire un'azione, e il mollusco farà tutto il lavoro che potrà durare per dei lunghi anni. Non tutti gli innesti sono coronati di successo, non tutti producono una perla, ci sono molte perdite e insuccessi.
Il padre della perlicoltura moderna è il celebre giapponese Mikimoto, anche se questo è talvolta contestato. 


 La perla è amata ed apprezzata in tutto il mondo come un simbolo di purezza e di felicità e in particolare si vedono spesso le perle ornare gli abiti delle spose. Le prime perle sarebbero state scoperte circa 5000 anni fa nel Golfo Persico e nel Mar Rosso.

In tutta la storia possiamo trovare molti episodi fantastici che coinvolgono le perle. Si dice che Cleopatra sciolse le perle nell'aceto, credendo che assorbire il decotto risultante avrebbe preservato la sua bellezza. Il primo imperatore della Cina si è impegnato molto nella ricerca di perle, credendo che potessero prevenire l'invecchiamento. Si dice che la famosa bellezza cinese, Yang Kuei-Fei, abbia le perle macinate in polvere per il consumo quotidiano, per raggiungere la bellezza perfetta. Le perle fanno anche diverse apparizioni nei racconti delle Mille e Una Notte.

E senza parlare della storia antica, i visitatori del British Museum possono vedere con i propri occhi le tante perle che adornano la corona reale britannica.

Sicuramente le perle hanno un posto di riguardo nella storia del Giappone. A Man'youshuu , dove si trova la più antica raccolta di poesia giapponese, possiamo trovare poesie che si riferiscono alle perle. La Collezione Shousouin nel Tempio Toudaiji a Nara, che è conservata come un tesoro nazionale e aperta al pubblico solo una volta all'anno, contiene molti oggetti adornati di perle.

In questi racconti dell'antichità, sia in Giappone che fuori, le perle citate sono naturali, e non perle coltivate. Le persone al di fuori del Giappone a volte trovavano questo tipo di perla nelle ostriche dalle labbra nere, ma il loro principale mollusco produttore era l'ostrica dalle labbra argentate, che in genere è grande 20-30 cm.

Queste ostriche hanno fatto la loro casa nei mari tropicali e subtropicali. I giapponesi raccolsero perle di ostriche Akoya trovate, ad esempio, nella baia di Mie e nel mare tra le isole di Honshu e Shikoku. Tuttavia, questi esemplari erano significativamente più piccoli delle loro controparti straniere. Le perle così raccolte dalle ostriche "selvatiche" vengono chiamate perle "naturali", dette anche "perle fini"; Le perle coltivate sono quelle prodotte dalle ostriche nelle reti delle coltivazioni sotto la buona cura degli uomini.

Nel 1912, i tribunali di Parigi e Londra stabilirono che le perle coltivate giapponesi non potevano essere legittimamente chiamate "perle". Ricercatori in Francia e Inghilterra, a partire dal Dott. Jameson e Boutan, hanno dimostrato che la composizione fisica delle perle coltivate non è poi così diversa da quella delle perle naturali. Dopo questa testimonianza, le perle coltivate risultate dall'aula di tribunale sono entrate nel mercato globale come specialità giapponese.

Il metodo giapponese di coltivazione delle perle è stato utilizzato con successo dai tecnici giapponesi non solo nel loro paese natale, ma anche in Myanmar, Filippine e Thursday Island in Australia. I tecnici usano le ostriche dalle labbra argentate. Come le loro controparti giapponesi, le perle hanno un valore molto alto.

 

Parure edi perle di coltura Akoya del Giappone

Le perle d'acqua dolce, cioè quelle prodotte dal mollusco bivalva Hyriopsis schlegeli (Acqua dolce delle cozze di Schlegel) nel lago Biwa, sono altrettanto stimate, e questo spiega la velocità con cui negli ultimi anni si sono diffuse all'estero le tecniche di produzione di tali perle.

Le perle Akoya sont oggi prodotte anche in Cina, con successo, e la domanda è tale che il Giappone non solo le produce ma anche le importa dalla Cina e le rivende come perle dal Giappone. Tuttavia, non è la provenienza che conta ma la qualità delle perle immesse sul mercato, e nel mercato delle perle per avere qualità occorre avvicinarsi agli esperti specializzati nel mercato delle perle di coltura di cui Netperla fa parte.

Prima della seconda guerra mondiale, le perle coltivate erano molto apprezzate per la loro rarità. Dopo la guerra, la produzione ha subito una rapida accelerazione a causa dei progressi nelle tecniche di coltivazione e dello sviluppo dell'area di mare disponibile. Durante questo periodo, le perle erano considerate le principali risorse nelle esportazioni dal Giappone. Tuttavia, insieme a questo aumento della produzione, si è verificato un calo della qualità e un forte calo dei prezzi dovuto alla concorrenza tra le aziende di perle. Durante questo periodo, la reputazione della perla giapponese è stata notevolmente ridotta agli occhi dei clienti stranieri. Anche il GIA ha stabilito criteri per valutare la qualità di una perla, criteri che vanno dall'acronimo AAA ad A, o addirittura B per perle di fascia molto bassa. Netperla e gli esperti di Netperla offrono solo gioielli di perle coltivate realizzati con perle di grado AAA, che è considerata la migliore qualità ,e di grado AA + che rimane di alta qualità.

Le perle fini sono oggetto dell'ammirazione delle donne di tutto il mondo. Di recente, però, a causa dell'inquinamento del mare, le perle di alta qualità sono sempre più rare e preziose, e la richiesta di perle di altissima qualità è in aumento. Le perle di pregio sono quelle che meritano di essere chiamate "gemme" e che sono le uniche degne di essere incastonate in gioielleria, talvolta accompagnate da diamanti e oro massiccio. Queste perle sono comunque rare, e sono oggetto di una precisa cernita negli allevamenti di perle, che Netperla e i suoi partner fanno sul posto, senza delegare in alcun modo questo compito, unica garanzia della qualità delle perle che offriamo.

In momenti come questi, siamo fieri e lieti di essere in misura di offire ai nostri clienti la nostra esperienza professionale nella scelta delle perle e dei più bei gioielli di perle di coltura rispettando le norme di qualità attese dai clienti più esigenti, che siano professionisti o privati. 

Lista sotto rubriche :

I più venduti

News