Perle bianche Australiane

La ricerca di perle in  Australia

La pesca delle perle australiane ebbe origine intorno al 1861. All'inizio, le ostriche oggetto di queste attività di pesca australiane erano così abbondanti in acque poco profonde che potevano essere raccolte con la bassa marea, ed era redditizio, specialmente con manodopera indigena a buon mercato. Poi la pesca alla fine si esaurì, quindi gli indigeni furono costretti a spostare l'attività di pesca di queste ostriche a profondità maggiori. I pescatori australiani impararono così ad immergersi, e dal 1867 si tuffavano dalle barche, la pesca ebbe un tale successo che l'anno successivo fu generalmente adottata la pratica, la profondità alla quale lavoravano gradualmente espanso a sei o otto braccia (il braccio quale unità di misura della profondità marina equivale a 72 pollici, quindi a 1,8288 metri).

 A causa dello stretto rapporto di lavoro che esisteva tra i nativi e gli allevatori di pecore nell'Australia nordoccidentale, questi ultimi furono introdotti nell'attività e per diversi anni l'industria delle perle di coltura e l'allevamento di pecore sono stati strettamente associati. Gli indigeni erano impiegati in vari compiti legati all'allevamento e alla tosatura delle pecore, ed era importante trovare un'occupazione per loro quando il lavoro era meno importante in determinati periodi dell'anno, non solo per la propria sussistenza ma anche per la protezione dei pastori e dei loro beni. Fortunatamente, questa opportunità è stata fornita dalla pesca australiana delle perle, per la quale questi uomini erano così qualificati.

I profitti della pesca delle perle australiane attirarono rapidamente molti investitori di capitali esterni e con questa espansione divenne difficile trovare subacquei. I produttori di perle e i nuovi arrivati ​​ricorsero ad abili pescatori dell'arcipelago malese e in alcuni casi i metodi usati erano tutt'altro che ordinari.

Nel 1871, la pesca delle perle dell'Australia nordoccidentale forniva lavoro a 12 navi da 15 a 50 tonnellate ciascuna e la produzione era di circa 180 tonnellate di madreperla. Nello stesso anno, nello stretto di Torres, dove l'industria si era espansa intorno all'anno 1868, c'erano 10 navi - per lo più dal porto di Sydney - e le catture di madreperla furono circa 200 tonnellate, per un valore all'epoca di £ 60.000. Ogni nave era spesso gestita da due o tre uomini che guidavano da dieci a cinquanta sommozzatori, che lavoravano con le derive, in gruppi di sei o otto ciascuno, con un supervisore in carica.


Man mano che la pesca australiana cresceva enormemente, la questione della sicurezza dei subacquei nudi divenne un problema serio e la schiavitù indigena divenne abbastanza comune, con l'uomo nero australiano che rappresentava la forma di lavoro più accessibile, che lavorava solo per il suo cibo, il tabacco e un capo di abbigliamento. Non c'era nessuna denuncia sul fatto che gli uomini venivano trattati con disumanità, al contrario erano ben nutriti e accuditi, eppure, nel tentativo di proteggerli e persino prevenire il sospetto di illeciti, il governo australiano decise di promulgare regolamenti che proibivano ai produttori di perle di avere qualsiasi contratto con i nativi. Quasi ogni anno queste norme diventavano più severe, influenzando le ore di immersione e limitando il lavoro a profondità di sei braccia e mezzo, non di più, cosicché l'impiego degli aborigeni australiani nella pesca delle perle australiane divenne estremamente difficile.

Il governo dei Paesi Bassi aveva ugualmente imposto severe restrizioni all'impiego dei nativi delle Indie orientali olandesi, richiedendo una garanzia di £ 20 a persona per il rimpatrio di ogni uomo, e anche i capi locali o rajah prevedevano un'imposta anticipata per permettere ai loro uomini di poter lavorare.

 Definizione della perla dei mari del Sud dell'Australia:

 Una perla australiana dei Mari del Sud è prodotta dal mollusco Pinctada Maxima. Questi molluschi sono attualmente in coltura nelle regioni vicine all'Oceano Indiano e all'Oceano Pacifico, principalmente in Australia, Filippine, Indonesia e Myanmar.


Consultate la nostra collezione di gioielli di perle Australiane

 Le perle dei mari del Sud - Le più grandi perle del Mondo

 Le perle dei Mari del Sud sono tra le più grandi perle coltivate raccolte al mondo. La dimensione media di una perla dei Mari del Sud è di 13 mm, con una gamma di perle che va da 9 mm a 20 mm. I cosiddetti "Mari del Sud" si trovano tra la costa settentrionale dell'Australia e la costa meridionale della Cina. Queste acque sono l'habitat naturale di una grande ostrica chiamata Pinctada Maxima. Questa ostrica cresce fino a 30 centimetri di diametro e può essere nucleata con una perla molto più grande rispetto a quanto accade con le ostriche di acqua salata che produce le perle Akoya.

Le perle dei mari del Sud provengono da due variétà di molluschi

Esistono due varietà di Pinctada Maxima: il mollusco dalle labbra argentate e il mollusco dalle labbra dorate. Entrambi si distinguono per la loro colorazione distinta che si estende dal confine esterno verso l'interno della conchiglia. Questa distinzione è responsabile della colorazione delle perle coltivate prodotte, da qui il loro nome: perle bianche con riflessi argentati e perle dorate o champagne. A differenza dell'ostrica Akoya, l'ostrica del Mare del Sud accetterà solo una nucleazione alla volta. L'ostrica viene nucleata quando è sviluppata solo a metà, passando da 12 centimetri a 17 centimetri, in circa 24 mesi. Sebbene le ostriche del Mare del Sud possano gestire solo un nucleo alla volta, quest'ostrica (come la perla di Tahiti prodotta dalla Pinctada Margaritifera) può essere nucleata fino a tre volte nel corso di molti anni.

 Perché le perle dei mari del sud raggiungono queste grandi dimensioni?

Ci sono quattro ragioni per cui le perle dei Mari del Sud possono raggiungere tali dimensioni, eclissando un gran numero di altre perle di acqua salata. Queste ragioni sono le grandi dimensioni della Pinctada Maxima, la dimensione del nucleo impiantato, la durata di sviluppo della perla rimasta nell'ostrica e l'ambiente in cui vive l'ostrica. La dimensione dell'ostrica le consente di accogliere una grande perla. La gonade (organo riproduttivo) della Pinctada Maxima, è parecchie volte più grande di quella delle ostriche Akoya. A causa di questa gonade più grande, i depositi di madreperla attorno al nucleo si verificano a un ritmo molto più veloce, specialmente nelle acque calde dei mari meridionali, il che accelera il metabolismo dell'ostrica.

Couleurs des perles d'Australie


Le perle dei mari del sud sono disponibili in colori che vanno dal bianco brillante con riflessi argentei, rosa o avorio ai colori dorati che vanno verso un giallo arancio per le perle più scure. Su queste basi troviamo orienti rosati, verdi e talvolta grigio azzurri. L'oriente è meno evidente del colore di base. Le perle australiane sono le uniche perle ad avere questi colori straordinari e sono anche le perle più grandi e costose nel mercato delle perle.

Guida all'acquisto di perle dei mari del sud o Perle Australiane: :
Perles d'Australie


Orecchini di perle Australiane bianche argentate

Qualità delle perle Australiane dei mari del Sud


La classificazione di qualità delle perle stabilita dal GIA va da A per le perle meno belle a  AAA per le perle più belle

Descrizione e classificazione delle perle di qualità A-AAA e Gemma

Qualità Gemma:  Perle eccezionali senza difetti visibili. Una perla forata non puo essere qualificata di qualità Gemma.


Perle di Qualità AAA:   Senza difetti su almeno il 90% della superficie della perla. Solo il 10% della superficie della perla presenta leggere imperfezioni, concentrate in un punto. È tollerata solo un'inclusione. La perla verrà forata nella posizione del difetto per ottenere una superficie perfettamente netta. Il lustro è da molto alto a eccellente


Perle di Qualità AA+ :  Impeccabile su almeno l'80% della superficie della perla. Solo il 20% della superficie della perla presenta leggere imperfezioni, concentrate. Sono tollerate solo una o due inclusioni profonde, la perla verrà forata nella posizione del difetto più importante per una superficie con nel peggiore dei casi un unico piccolo difetto non molto evidente. Il lustro è da alto a molto alto


Perle di Qualità AA: Impeccabile su almeno il 70% della superficie della perla. Solo il 30% della superficie della perla presenta leggere imperfezioni concentrate.  Sono tollerate solo una o due inclusioni profonde,  La perla verrà forata nella posizione del difetto più significativo. Il lustro è da alto a molto alto


Perle di Qualità A+:  Impeccabile su almeno il 40% della superficie della perla. Fino al 60% della superficie della perla presenta leggere imperfezioni. Le inclusioni più profonde sono limitate al 10% della superficie della perla. Il lustro è da medio a molto alto


Perle di Qualità A: Almeno il 60% della superficie della perla presenterà difetti o Inclusioni, difetti profondi saranno visibili su un massimo del 20% della superficie della perla. Il lustro è basso ma può essere molto alto con diverse imperfezioni di superficie.

Le perle dei Mari del Sud sono note per il loro lustro caldo e satinato e generalmente non mostrano le stesse qualità riflettenti delle altre perle coltivate.

I più venduti

News