Molluschi produttori di perle

Ostriche e cozze che producono le perle che amiamo tanto

Partiamo da un semplice principio, e cioè che tutti i molluschi del mondo, siano essi acquatici o terrestri, bivalvi o gasteropodi, sono tutti in grado di produrre perle. I professionisti nel mondo della coltura delle perle hanno comunque selezionato i molluschi che si sono rivelati i più in grado di realizzare questa produzione da un lato, di resistere nel tempo (diversi anni) e di ottenere un alto tasso di successo di coltura (minimo 30%).

Ostrica produttrice di perle Akoya

Le perle del Giappone, chiamate anche perle Akoya, sono quelle che sono all'origine della coltura delle perle. Diverse ostriche sono state testate prima di trovare una forma di stabilità per garantire una redditività del numero di trapianti effettuati, e le infrastrutture necessarie per l'allestimento e la distribuzione sul mercato. È stata un'avventura umana degna delle grandi saghe che si dilettano nei romanzi, o attraverso i film sul grande schermo.
L'ostrica che produce le perle Akoya non è molto grande, si adagia comodamente in una mano all'età adulta, circa 7-8 cm. Queste ostriche "Pinctada Fucata Martensi" permettono di raccogliere perle di diametro tra 3,5 mm e 9,5 mm, oltre a queste dimensioni è praticamente impossibile, non c'è abbastanza spazio nell'organo del mollusco per produrre perle più grandi. Nell'immagine in alto possiamo vedere che la madreperla è bella, densa, delicata. Le perle raccolte vengono acquistate da grandi acquirenti attraverso diversi circuiti. NETPERLA ti offre perle che sono state classificate di qualità AA+ e AAA e tra le qualità AAA spiccano alcune perle la cui brillantezza, lustro è davvero talmente bello da essere una cosa a parte. Queste sono perle eccezionali, che rientrano nella categoria Akoya HANADAMA. NETPERLA ti permette di accedere a queste perle che puoi trovare nei nostri cataloghi.

 

Cozza produttrice di perle di coltura d'acqua dolce

 

Le perle d'acqua dolce provengono originariamente dai laghi e fiumi della Cina la cui acqua non è salata, da qui il nome "perle d'acqua dolce", che sono anche chiamate perle di fiume (quando si tratta di perle fini) e perle di Biwa, un lago del Giappone a sud della regione di Tokyo dove sono stati effettuati i primi test di produzione per le perle d'acqua dolce.

Il mollusco è una cozza di grande dimensione che naturalmente vive in piccole correnti acquatiche dove aprendo e chiudendo il suo guscio, l'ostrica raccoglie e assorbe il nutrimento per vivere.

La particolarità delle perle d'acqua dolce, rispetto a tutte le altre perle coltivate, è che l'innesto non include un nucleo solido, cioè una "perla madre" che funga da matrice di forma. Questo è il motivo per cui all'inizio le perle ottenute non erano così belle e raffinate come le perle Akoya. Le perle d'acqua dolce, per le forme quasi mai rotonde, venivano coltivate rapidamente e utilizzate in gioielleria a basso costo, per realizzare orecchini, fili di perle e altri gioielli piuttosto economici.

Non dimentichiamo mai che in origine questi molluschi producevano naturalmente le perle, senza intervento umano, e che in un tempo remoto le scoperte fatte di queste perle d'acqua dolce hanno permesso di adornare alcune opere come la Bibbia, o di andare ad ornare gioielli tra i più sofisticati della nobiltà. Era il periodo in cui le perle erano riservate a un'élite strettissima di persone.

Di fatto i prezzi delle perle d'acqua dolce sono i più abbordabili nel mondo delle perle coltivate, ma questo è semplicemente possibile perché un allevamento di perle per produrre queste perle d'acqua dolce ha sicuramente costi meno onerosi di qualsiasi altro tipo di coltura in mare o nell'oceano, come per esempio per le perle Akoya o Australiane.

L'acqua di mare, come l'acqua dell'oceano, è corrosiva, questo non è il caso dell'acqua di fiume e di lago. Spostarsi sui laghi dove è ci sono gli allevamenti di perle, è molto più facile e molto meno costoso. E infine, quando viene innestata una cozza Hyriopsis Schelegeli, viene innestata con solo pezzi di tessuto molle del mantello, cioè l'organo prelevato da un mollusco donatore raccolto, organo la cui funzione è quella di produrre la madreperla dello stesso tipo della sua conchiglia.
Questo pezzo di mantello dà un contributo biologico, come un suggerimento di utilizzo dei componenti. Questo corpo estraneo al mollusco sarà ricoperto di madreperla, strato dopo strato, giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno, finché il coltivatore di perle per abitudine saprà che è arrivato il momento della raccolta.

Poiché non c'è nucleo solido, la persona che esegue l'innesto sarà in grado di posizionare diversi piccoli pezzi di mantello del donatore (organo che secerne la madreperla). Non tutti i pezzi di mantello, posizionati nella cozza ricevente, daranno una perla, ma in circa il 30% dei casi i trapianti avranno successo. Il raccolto sarà quindi di una decina di perle in un solo mollusco, in un solo ciclo di coltura. È anche un fattore economico importante, poiché i raccolti sono maggiori in quantità potendo produrre più perle in una stessa conchigia.

Ostrica produttrice di perle nere di Tahiti (Polinesiane)


La maestosa Pinctada Margaritifera può raggiungere una dimensione di 25 cm, motivo per cui, rispetto all'ostrica che produce perle Akoya, lo spazio necessario per depositare un innesto è maggiore. Il coltivatore di perle può quindi organizzarsi per raccogliere perle di dimensioni molto più grandi: le perle più piccole raccolte da queste colture sono di 8.0 mm (sotto questo diametro le autorità Polinesiane non ammettonno il commercio né l'esportazione) e fino a 20 mm per le più grandi. La maggior parte delle perle vendute sul mercato misurano diametri da 8,0 mm a 12 mm.

Troverai gioielli che mettono in risalto queste perle la cui madreperla è scura, spessa, densa. Molto trendy sono anche gli orecchini, i pendenti, ma anche fili di collane di tutte le dimensioni, bracciali, gioielli di perle su laccio di cuoio.

Perché una perla sia raccolta, ci vorrà pazienza, perché stiamo parlando di anni che passeranno prima che la raccolta sia possibile. Nell'immagine in alto possiamo vedere chiaramente che all'interno la madreperla è scura con riflessi argento, grigio, bluastro. & # 160; Le perle raccolte hanno queste caratteristiche che giustificano a pieno il fascino di queste perle nere straordinarie.

Se tra le perle Akoya quelle barocche sono poco commercializzate, tra le perle di Tahiti trovano un grande pubblico le perle barocche, dalle forme non rotonde, che possono essere cerchiate o avere protuberanze. SLe perle barocche di Tahiti sono molto apprezzate, perché sanno trasportare con sé parte del luogo acquatico da cui provengono, per le loro forme naturali e i colori iridescenti.

Ostrica produttrice di perle dei mari del sud (perle Australiane e Filippine)


Mollusco dei Mari del Sud, l'ostrica Pinctada Maxima deve il suo nome alle sue dimensioni, è il più grande mollusco utilizzato nella cultura delle perle. Ci sono due tipi di queste ostriche, quella con una madreperla champagne dorata (ostrica a labbra dorate) e quelle con una madreperla bianca argentata con riflessi talvolta rosati (ostrica a labbra argentate).

Gli allevamenti di perle che utilizzano questa ostrica si trovano principalmente sulla costa australiana e nelle Filippine, queste perle, dette anche "le perle dei Mari del Sud" sono quelle con i diametri maggiori. La madreperla è molto densa. Queste ostriche usate in Polinesia, e nei mari del Sud, sono della stessa stirpe, sarà l'ambiente che le avrà fatte evolvere diversamente. La madreperla è di altissima qualità, perché è spessa, densa, liscia, piacevole al tatto. Sono anche le perle che hanno valore più grande.

DIFFERENTS TYPE DE MOLLUSQUES

Perle d'Acqua Dolce: Sono conosciute per la diversità nelle loro forme, dimensioni e colori, nonché per il loro eccellente rapporto qualità/prezzo. Sono prodotte dalle cozze Hyriopsis Cumingi che vivono nei laghi e nei fiumi nelle aree remote della Cina. Le cozze sono nucleate con minuscoli pezzi di tessuto molle di conchiglie donatrici che producono perle, le perle ottenute non avendo nucleo solido sono composte interamente di madreperla. Questi molluschi possono produrre fino a 50 perle alla volta in un unico guscio.
Clicca qui per saperne di più sui gioielli con queste perle

Vai al catalogo di gioielli di perle di acqua dolce

Perle AKOYA: Sono apprezzate per le loro forme rotonde e il lustro eccezionalmente brillante. Nascono in una piccola ostrica giapponese che produce solo una perla alla volta. L'ostrica Pinctada Fucata, coltivata in acqua di mare, vive lungo le coste del Giappone e della Cina. Un nucleo sferico come una perlina, detto "perla madre", viene impiantato chirurgicamente nell'organo genitale dell'ostrica che lo ricoprirà strato dopo strato di bellissima madreperla. Queste perle sono di medie dimensioni e vanno da 2 mm a 9,5 mm al massimo. Le perle Akoya superiori a 8 mm sono molto rare.
Clicca qui per saperne di più sui gioielli di perle Akoya

Vai al catalogo di gioielli di perle Akoya

Perle di Tahiti: Sono le uniche al mondo ad essere naturalmente di colore scuro senza mai essere veramente nere. Rare, esotiche e lussuose, le perle di Tahiti sono prodotte dall'ostrica Pinctada Margaritifera che vive nelle acque intorno a Tahiti nella Polinesia Francese. Queste ostriche di mare possono crescere fino a raggiungere grandi dimensioni, potrebbero essere oggetto di un pasto completo se fossero commestibili. Le perle prodotte da questi moluschi hanno diametri che variano tra 8 mm e 18 mm di diametro. Le perle di Tahiti hanno colori e riflessi affascinanti che vanno dall'argento al grigio scuro profondo con sfumature di verde, blu e rosa, viola ecc.
Clicca qui per saperne di più sui gioielli di perle di Tahiti

Vai al catalogo di gioielli di perle di Tahiti

Perle Australianee Perle Filippine: Le perle dei Mari del Sud sono bianche o dorate. Le perle bianche dai riflessi argentati sono Australiane, le perle dorate sono coltivate in Australia ma soprattutto nelle Filippine. Sono apprezzate per i loro grandi diametri e il loro lustro satinato. Queste perle sono prodotte dall'ostrica à labbra argentate (le perle bianche) o a labbra dorate (le perle dorate), l'ostrica Pinctada Maxima che vive lungo le coste dell'Australia, dell'Indonesia e delle Filippine. Sono considerate le perle più rare al mondo e per avere una semplice collana di queste perle bisogna impiegare diversi anni di raccolta, prima di poter unire insieme un filo di perle equilibrato nel suo diametro, nel suo colore, nei suoi riflessi, nel suo lustro. Sono gemme di mare, vere perle preziose.
Clicca qui per informazioni sui gioielli di perle Australiane
Clicca qui per informazioni sui gioielli di perle Filippine

Vai al catalogo di gioielli di perle Australiane
Vai al catalogo di gioielli di perle Filippine

Perle MABE: Le perle Mabe sono perle emisferiche coltivate che crescono contro il guscio interno di un'ostrica, piuttosto che nel corpo del mollusco. Vengono utilizzate principalmente per orecchini (le loro forme si adattano bene) ma anche su fermagli per nascondere il sistema di chiusura. Sono prodotte principalmente dalle ostriche di mare che vivono nelle acque del Giappone, dell'Indonesia, della Polinesia francese e dell'Australia. Queste "mezze" perle vanno dal bianco al rosa chiaro o addirittura a un colore bluastro. Nonostante siano molto belle non hanno per niente lo stesso valore delle loro cugine, le perle "intere" sferiche.

Perle Abalone

Perle Abalone: Perle che si trovano naturalmente in questi molluschi univalvi. Queste perle non hanno grande valore e hanno pochi riflessi. La loro forma è spesso antropica ed è piuttosto raro che gioielli degni di alta gioielleria siano realizzati con queste perle.

Perle Conch: simili per colore al corallo frastagliato, queste perle sono prodotte da una conchiglia, che è un mollusco di acqua di mare proveniente dalle acque tropicali. Sono usate raramente e hanno poco valore. Tuttavia, possono avere il loro fascino per la realizzazione di gioielli e talvolta possono essere apprezzate secondo le mode.

Perle Keshi: Conosciute anche come Perle Semi di Papavero. Sono perle non nucleate prodotte accidentalmente come sottoprodotto del processo di coltivazione, e quindi non considerate come normali perle. Hanno una forma spesso molto barocca, simile a perle fini.

Perle Biwa: Una perla coltivata coltivata in una cozza d'acqua dolce nel lago Biwa, in Giappone. Recentemente, l'uso di questo termine perla Biwa è stato consentito per qualsiasi perla coltivata in una cozza d'acqua dolce in Giappone.

Perle d'Imitazione: Le perle finte sono artificiali e sono considerate perle da bigiotteria e non hanno alcun valore reale se non quello dato dai gioielli che comporranno. Sono spesso vendute con nomi spuri come perle finte, perle di Maiorca, perle organiche. Un gioielliere esperto può facilmente distinguere tra vere perle coltivate e queste perle finte esaminando il foro o utilizzando i raggi X.

I più venduti

News