Le Perle delle Filippine


 
Esotiche e lussuose
Le perle delle Filippine sono reputate per essere tra le perle dei mari del sud le più belle perle dorate, insiemme alle perle argentate Australiane. Il loro colore (naturale, non trattato) è luminoso e unico di tonalità "Champagne" più chiare, o "Dorate" più pronunciate. Le perle delle Filippine sembrano essere fatte d'oro mentre invece sono proprio di madreperla di un colore brillante dorato. Si tratta di perle molto rare, difficili da coltivare, sono di grande dimensione e il loro prezzo è tra i più elevati tra le perle di coltura, sono le più lussuose insieme alle perle australiane bianche. L'industria della perlicoltura è nata in Giappone alla fine del XIX° secolo, con il metodo del trapianto e innesto di nucelo nel mollusco, tanta pazienza, e delle regole d'igiene da rispettare, con un numero significativo di tecnici specialisti di innesti che, per molti di loro, sono stati invitati a effettuare gli innesti in diversi allevamenti. Nella prima metà del XX° secolo abbiamo assistito allo sviluppo di nuove coltivazioni che facevano venire i tecnici trapiantisti dal Giappone e molte persone si spostavano per apprendere il mestiere.
La perla dorata dei Mari del Sud è coltivata in diverse zone geografiche, in Australia, in Indonesia e nelle Filippine, e proprio nelle Philippines la coltura delle perle dorate si è imposta sulle altre, divenendo emblema nazionale alla fine degli anni 90. Questo emblema è così forte che su certe banconote è rappresentata la perla dorata. Il mollusco che produce queste sublimi perle champagne e dorate è la Pinctada Maxima a labbra dorate, il più grosso mollusco utilizzato nella perlicoltura. Le perle dorate non sono facili da produrre, questa zona del pianeta non è la più serena dal punto di vista del clima, è quindi necessario che i perlicoltori si equipaggino contro le intemperie per evitare danni alla produzione di perle. Inoltre i raccolti sono meno importanti di quelli delle colture Akoya o delle perle d'acqua dolce. Sono considerate come perle rare nel mondo della perlicoltura. La produzione è, per gran parte, costituita di perle dette "barocche", e di perle di forma a goccia, come le perle de Tahiti, troviamo anche perle a goccia cerchiate. Le perle ben sferiche sono le più difficili da trovare perché sono rare. Tutti vorrebbero averle, e nelle aste i prezzi salgono e salgono e ancora e ancora. Decisamente è difficile e complesso ottenere una perla di tonalità ben dorata ad un prezzo ragionevole, in qualità AAA poiché i prezzi salgono talmente per loro rarità. Più ragionevolmente le perle di color champagne sono ugualmente belle, a volte migliori e una volta indossate sono davvero incantevoli.

Come confrontarle con altri tipi di perle
Le perle delle Filippine sono perle Dorate e Dorate dai dolci riflessi Champagne, e sulle diverse isole delle Filippine esiste anche un commercio di perle composte di madreperla, o perle shell che non sono dorate ma prodotte con frammenti di conchiglie della regione, e non solo, e sono considerate come perle d'imitazione, come veramente sono.
Si possono comparare le perle delle Filippine con le perle Australiane che in parte  sono anch'esse dorate o champagne. Per come è fatto il mercato australiano, questo non funziona sugli stessi criteri economici delle Filippine, nonostante le perle nascano dallo stesso mollusco australiano e siano coltivate in acque praticamente identiche, ma nelle Filippine sono coltivate da diversi perlicoltori, i cui innesti sono spesso preparati da tecnici giapponesi o da personale esperto istruito in Giappone. La migliore comparazione si fa dunque con le perle Australiane che anch'esse rientrano nella categoria delle perle dei mari del sud. Passando nelle Filippine NETPERLA fa la scelta di bella qualità alle migliori condizioni possibili per i nostri clienti. Le perle dorate delle Filippine possono essere comparate anche per le dimensioni, per la struttura della madreperla, per la ripartizione tra le perle barocche e le perle rotonde, con le perle Australiane bianche dai riflessi argentati e con le perle dnere di Tahiti, prodotte in Polinesia, poiché i molluschi utilizzati per produrre queste perle appartengono alla stessa famiglia.
Le perle delle Filippine sono perle dalla forte personalità, molto chic, attirano inevitabilmente gli sguardi per il loro colore raro e il loro grande diametro. Queste perle dorate delle Filippine sono tra le più grandi perle coltivate sul mercato, le loro dimensioni superano di gran lunga quelle delle perle della Cina (perle di acqua dolce) e anche quelle delle perle Akoya prodotte in Giappone  e per una parte in Cina.

Colore, Superficie, Diametro
Le perle delle Filippine dorate e champagne hanno un diametro che varia da 9 mm a 16 mm, ma in situazioni particolarmente rare ci capita di trovare perle di diametro superiore a 16 mm. Benché ciò sia estremamente raro, alcune aziende agricole hanno avuto il piacere di scoprire perle di 20 mm ed anche di 30 mm.
Il colore non è unico, elle è Dorato su nuances più o meno intense, alcune perle possono assomigliare a bolle di champagne, più o meno chiare. Come le perle sono sotto una luce artificiale, i colori divengono più intensi, più splendenti.
La superficie  delle perle è compsta di una nacre spessa nella quale si distinguono dei punti luminosi talvolta dorati o bronzo, su un fondo champagne, o champagne dorato. La densità della madreperla si percepisce al tatto, questa madreperla è ben liscia, anche sulle perle cerchiate e barocche questa sensazione al tatto è un'evidenza. Sulle perle Barocche o semi-barocche l'esigenza della superficie è minima, ha più importanza l'aspetto generale e si tollerano facilmente le singolarità visibili ad occhio nudo. Queste singularità, o leggeri marchi naturali, sono normali e non tolgono nulla alla bellezza della perla, poiché si tratta di una piccola parte sulla superficie della perla che non si nota a qualche centimetro di distanza. 

Da dove vengono?
Le perle delle Filippine provengono dalle Filippine, sono tutte di colore champagne dorate e rientrano nella grande famiglia delle perle dei Mari del Sud, come le perle Australiane, e quelle prodotte in Indonesia.
Comme nell'acipelago di Tahiti, nelle Filippine le perle hanno trovato il loro posto nella comunità per divenire emblema nazionale. Non si può parlare delle perle delle Filippine senza evocare il nome di Jacques Branellec, il "re della perla", questo appassionato venuto dalla sua Bretagna natale in questa regione del mondo per osare la sfida delle perle. Oggi è un successo mondiale, è l'uomo delle perle di sole che brilla nel fondo delle conchiglie.

A cosa si deve la loro rarità e il loro valore
Le perle dei mari del Sud sono fra quelle che hanno il valore più elevato rispetto ad altri tipi di perle, tra queste le perle delle Filippine di cui parliamo qui. Queste perle sono di diametro più grande che si possa trovare, cosa che aumenta la loro rarità ed il loro valore. In funzione della la qualità, della forma e del diametro, una fila di perle dorate può valere migliaia di euro e le collane composte da perle bianche argentate ancora di più. Non è sorprendente trovare prezzi al dettaglio per collane di gran lusso di perle dell'Australia o delle Filippine che si avvicinano a 100.000 €  e fino a 300.000 €. Le perle barocche sono spesso utilizzate da sole per ornare un gioiello e questo consente di approfittare di questi gioielli del mare con investimenti meno elevati.

Cliccate qui per scoprire il nostro catalogo di Perle delle Filippine

I più venduti

News