Vai al contenuto principale »

LE PERLE DEI MARI DEL SUD: PERLE AUSTRALIANE


 
Esotiche e lussuose
La zona di produzione delle ostriche di grandi dimensioni è limitata, inoltre il tempo necessario ai molluschi per produrre le perle è molto lungo, cosa che fa di questo settore di produzione il più raro al mondo. Vi si trovano perle di un bianco ottimale, dai riflessi argentati e altre perle di colore miele. Queste perle sono ritenute dai collezionisti ed i professionisti come le più belle perle del mondo. Possiedono una lucentezza fuori del comune e la loro superficie è lucida e lussuosa. Esiste soltanto una debole percentuale di queste perle che sono sferiche, tanto da considerare le perle ben rotonde delle rarità, e la preparazione di un filo di perle completo ed omogeneo è complicata e spesso molto lunga da realizzare. A questo si aggiunge l'aspetto mistico che comincia alla fine del XIX secolo. Negli anni 1850, sulla costa del nord-ovest dell'Australia, la città di Broome è diventata rapidamente il centro commerciale delle perle dei mari del sud, nonostante la cattiva reputazione che avevano queste perle alla fine del secolo XIX. La cultura delle perle dei mari del sud ed il loro aspetto commerciale efficace è apparsa soltanto nell'anno 1950, e fermamente è oggi consolidata sul mercato mondiale. Oggi la città di Broome è un perno nel business della perla di cultura nel mondo.

Come confrontarle con altri tipi di perle
Le perle dei mari del Sud hanno generalmente un diametro ben superiore agli altri tipi di perle prodotte nel mondo. Hanno una qualità ed una lucentezza uniche nel loro genere. Questi fattori rendono le perle dell'Australia ben distinte e rare. La loro penuria impone i loro prezzi che sono più elevati di tutti gli altri tipi di perle. Come gli altri tipi di ostriche d'acqua di mare, le  “Pinctada Maxima vengono nucleate, ossia gli viene inserito un nucleo. Il periodo di crescita delle perle è da 3 a 6 anni, in raffronto con le ostriche Akoya che richiedono metà del tempo per produrre una perla. Queste perle vivono in un ambiente idrico agitato che rendono i molluschi più sensibili dei loro cugini dei mari del Giappone e della Cina. Sono più inclini alla malattia ed ai rischi delle perturbazioni oceaniche. È il motivo per cui le zone di coltura di quest'ostriche sono più limitate. I tentativi per sviluppare la produzione allargando le zone si sono conclusi con fallimenti, poiché la “Pinctada Maxima„ può svilupparsi soltanto in alcune condizioni ambientali. Sono dunque raccolte in una zona ben definita e sorvegliate con cura. Tutto ciò genera il loro fenomeno di rarità e di lusso.

Colore, Superficie, Diametro
Le perle dell'Australia dei mari del Sud hanno un diametro che varia da 8 mm a 20 mm con una media di 13 mm. Benché ciò sia estremamente raro, alcune aziende agricole hanno avuto il piacere di scoprire perle di 20 mm ed anche di 30 mm. Occorre considerare che soltanto dal 10% al 30% del raccolto darà perle perfettamente sferiche. È il motivo per cui potete considerare che le collane di perle dell'Australia che il gruppo Netperles vi propone siano realmente perle rare. Le perle barocche dell'Australia hanno anch'esse  il loro incanto, danno l'opportunità di approfittare della qualità, del colore, dell'aspetto lucidato delle loro superfici con investimenti inferiori. Le ostriche “dalle labbra d'argento„ producono generalmente perle bianche, argentate, dai riflessi verde acqua a riflessi bluastri; questo colore è molto raro ed una collana di perle dell'Australia argentate può valere molte decine di migliaia d'euro in gioielleria specializzata. La varietà “dalle labbra dorate„ sviluppa tinte di colore crema, champagne, vaniglia ed anche il colore completamente particolare come l'oro profondo. Sono colori naturali che fanno di queste perle gioielli sublimi del mare. Quando le perle australiane sono raccolte, queste vengono soltanto pulite e levigate per togliere alcuni residui,per poi essere proposte al montaggio dei fili di perle. Quando un'ostrica non riesce a produrre una grande perla, la perla prodotta sarà riutilizzata come nucleo per un'altra ostrica. Così il risultato dato sarà di grande diametro e generalmente di grande qualità.

Da dove vengono?
La maggioranza delle ostriche " Pinctada Maxima " è coltivata lungo la costa Del nord Ovest dell'Australia e dà perle bianche a vari riflessi. Le perle di varietà dorate sono anche prodotte nelle Filippine e nell'Indonesia. Occorre considerare che una buona parte delle ostriche è coltivata in acque selvagge, e che chiedono molta attenzione. Del resto il governo ha preso disposizioni per proteggerle e garantirne il buono sviluppo. Le acque tumultuose e calde dei mari del Sud portano un ambiente propizio al buono sviluppo delle “Pinctada Maxima„ e così producono queste perle tanto ricercate dai colori straordinari e rari, questa lucentezza incomparabile e questo tocco satinato.

A cosa si deve la loro rarità e il loro valore
Le perle dell'Australia dei mari del Sud sono fra quelle che hanno il valore più elevato rispetto ad altri tipi di perle. Queste perle sono di diametro più grande che si possa trovare, cosa che aumenta la loro rarità ed il loro valore. In funzione della la qualità, della forma e del diametro, una fila di perle dorate può valere migliaia di euro e le collane composte da perle bianche argentate ancora di più. Non è sorprendente trovare prezzi al dettaglio per collane di gran lusso di perle dell'Australia che si avvicinano a 100.000 €  e fino a 300.000 €. Le perle barocche sono spesso utilizzate da sole per ornare un gioiello e questo consente di approfittare di questi gioielli del mare con investimenti meno elevati.

Cliccate qui per scoprire il nostro catalogo di Perle Australiane